Archivi tag: pane

La manna, le quaglie e la polenta


Ascoltando la prima lettura della XVIII Domenica del Tempo Ordinario (Anno B) ho pensato che gli Israeliti, nonostante la condizione di schiavitù, non se la passavano poi così male circa 3270 anni fa se, durante l’Esodo, rimpiangevano la pentola della carne e il  pane a sazietà  (cfr Es 16,3b) che avevano avuto a disposizione in Egitto.
E allora mi è venuto a mente un brano di un articolo che ho letto mentre preparavo il numero di settembre della rivista di collegamento dedicata a: Un mondo migliore.
“Fino agli anni ’50 del secolo scorso c’erano tante persone che si saziavano di polenta e dopo un po’ si ammalavano. Sentivano le forze abbandonarli e poi comparivano sulla pelle arrossamenti e infiammazioni e la pelle diventava ruvida, agra. Fu per questo che la malattia venne chiamata «pellagra», una malattia che, se non curata, poteva portare alla demenza e alla morte. Nessuno riusciva a spiegarsene le origini, finché alcuni scienziati scoprirono che non era vero che si ammalassero di pellagra coloro che mangiavano polenta di mais. Si ammalavano coloro che mangiavano solo polenta di mais”. (Franco Quarta, Famiglia Domani, n. 2 2018).
Abbiamo molti motivi per lamentarci oggi, tra cui la consapevolezza che i nostri figli e nipoti potrebbero avere una vita meno facile della nostra.
Non dimentichiamoci però di quando si stava peggio, e non mi riferisco a 3270 anni fa.
Franco Rosada

Annunci

Corpus Domini

A cosa serve il pane nella vita quotidiana? La risposta è facile: è un alimento.
Dunque non è da guardare, ma da mangiare.
Cristo è restato non per essere adorato, ma soprattutto per essere ricevuto.
Nella normale alimentazione, l’uomo è più forte del cibo. Nell’Eucaristia, il nutrimento, vale a dire Cristo, è più forte ed è più di noi, così che possiamo uscire da noi stessi, giungere oltre noi e divenire come Cristo.
Il senso primario della Comunione non è l’incontro del singolo con il suo Dio – per questo ci sarebbero anche altre vie – ma proprio la fusione dei singoli tra loro per mezzo di Cristo.
la Chiesa non è un partito e non è un apparato politico, ma è comunità nel Corpo del Signore.
Joseph Ratzinger, Avvenire 29 maggio 2016.
Per leggere tutto l’articolo clicca qui!

Sotto la croce

Uomini vanno a Dio nella loro tribolazione,
piangono per aiuto, chiedono felicità e pane,
salvezza dalla malattia, dalla colpa, dalla morte.
Così fanno tutti, tutti, cristiani e pagani.

Uomini vanno a Dio nella sua tribolazione,
lo trovano povero, oltraggiato, senza tetto né pane,
lo vedono consunto da peccati, debolezza e morte:
I cristiani stanno vicino a Dio nella sua sofferenza.

Dio va a tutti gli uomini nella loro tribolazione,
sazia il corpo e l’anima del suo pane,
muore in croce per i cristiani e pagani
e a questi e a quelli perdona.
Dietrich Bonhoeffer, Resistenza e Resa.