Archivi tag: la vita

Homo sapiens?


Noi uomini riteniamo di essere la specie migliore per l’uso che facciamo del nostro cervello. Ma per essere migliori dobbiamo dimostrare di saper raggiungere prima delle altre specie l’obiettivo fondamentale, la sopravvivenza della specie.
Ma stiamo andando in questa direzione? Si è calcolato che la vita media di una specie è di circa 5 milioni di anni. L’homo sapiens esiste solo da 300.000 anni; quindi, per raggiungere l’obiettivo, deve durare per oltre 4,7 milioni di anni (se scompare prima avrà provato di essere una specie stupida) e per farlo deve usare al meglio il suo cervello, diversamente da quello che ha fatto e sta facendo.
Luigi Togliani
Per la lettura dell’intero articolo clicca qui!

Voi non vi rassegnerete

“Oggi siete qui convenuti per affermare che nel nuovo secolo voi non vi presterete ad essere strumenti di violenza e distruzione; difenderete la pace, pagando anche di persona se necessario. Voi non vi rassegnerete ad un mondo in cui altri esseri umani muoiono di fame, restano analfabeti, mancano di lavoro. Voi difenderete la vita in ogni momento del suo sviluppo terreno, vi sforzerete con ogni vostra energia di rendere questa terra sempre più abitabile per tutti”.
Giovanni Paolo II, XV GIORNATA MONDIALE DELLA GIOVENTÙ, Tor Vergata 19 agosto 2000

https://www.youtube.com/watch?v=hMJJ8dT_Hsg

 

La madre


Quello che avete appena visto è un cortometraggio della RAI: siamo nel 1969 e si intitola “La la madre di Torino” ed è un episodio di cronaca accaduto nella città di Torino in quegli anni tra Corso Peschiera e Corso Francia. Un bambino gioca sul terrazzo di casa, la madre è occupata nelle sue faccende domestiche, Ad un certo punto il bambino si trova catapultato nel vuoto e sono le mani della madre che lo mantengono nella vita, che impediscono che il corpo del bambino precipiti nel vuoto.
Direi di cominciare da qui perché in fondo il primo volto della madre sono le sue mani.
Questa è una riflessione che troviamo anche in Freud che definisce la madre come il primo soccorritore, l’altro materno e l’altro che risponde al grido di aiuto del bambino, al grido della vita inerme della vita che rischia di cadere.
Non è solo una rappresentazione plastica della madre: è qualcosa di più.
Se ci pensate stiamo separando la figura della madre dalla figura biologica della genitrice. Mettere in risalto le mani della madre significa mettere in risalto la sua funzione simbolica e non tanto il suo corpo biologico…
Massimo Recalcati, RAI3, Lessico famigliare
Per vedere l’intera puntata clicca qui!
Su questo blog sono presenti altri tre interventi di Recalcati: usate la funzione”cerca” per leggerli.

 

Uno di noi

Non è solo una firma. E’ molto di più l’impegno a sottoscrivere “Uno di noi”, la campagna promossa dai Movimenti per la vita di ventisette paesi della UE per arrivare al riconoscimento politico dell’embrione.
Serve un milione di firme per far intervenire il legislatore europeo.
Ma l’obiettivo è ben più ambizioso. Per questo adesso è il momento della mobilitazione con la possibilità di aderire anche on-line  al progetto.
Per saperne di più clicca qua sotto:
http://www.gruppifamiglia.it/anno2013/Uno di noi.pdf
Se vuoi firmare clicca qua sotto:
https://ec.europa.eu/citizens-initiative/ECI-2012-000005/public/index.do?lang=it