Archivi tag: genere

Donne in carriera

Tre giovani donne manager inglesi hanno deciso di eliminare il ciclo mestruale. Sono in gamba, in carriera, non ancora trentenni. Quei due o tre giorni al mese intorpiditi da doloretti e intristiti da nausee e gonfiori e spossatezza, sono un handicap evidente, intollerabile, che limita l’efficienza e la competitività coi colleghi maschi, per non dire del tempo speso in acquisto e cambio di assorbenti, dell’impedimento in una convention al mare, una riunione a bordo piscina, che so, una serata di sesso per spionaggio aziendale. Libere dal ciclo mestruale, da questo condizionamento che la natura sessista ha imposto a un genere di modificare, plasmare a gusto proprio e consumo, fino a cancellarlo.
Monica Mondo. Il sussidiario.net
Per leggere tutto l’articolo clicca qui!

Annunci

Gender, famiglia e dintorni

Per chi ha pazienza e interesse ho realizzato un breve elenco di documenti recenti legato al tema del gender.
Franco Rosada

Costanza Miriano, Le nozze omosessuali spiegate ai miei figli, 26 aprile 2013
http://costanzamiriano.com/2013/04/26/le-nozze-omosessuali-spiegate-ai-miei-figli-eta-media-9-anni/
Mario Adinolfi, Voglio la mamma, 18 gennaio 2014
http://marioadinolfi.ilcannocchiale.it/2014/01/18/conclusioni_anche_politiche.html
Agenzia SIR, Il diritto di dissentire, Prima pagina, 18 giugno 2014
http://www.scienzaevita.org/rassegne/ccad994876b77998c7fa7f4d156cef64.pdf

A- Ministero delle pari opportunità – Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali (UNAR): Strategia nazionale per la prevenzione e il contrasto delle discriminazioni basate sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere, Consiglio d’Europa
http://www.pariopportunita.gov.it/images/strategianazionale_definitiva%20_logocoenuovo.pdf
B- Ivan Gasparotto, Misure urgenti in materia di discriminazione razziale, etnica e religiosa, ovvero fondata sull’omofobia o sulla trans fobia, DdL 1052
http://www.lamanifpourtous.it/sitehome/wp-content/uploads/2013/11/DdL-1052-contro-omofobia-passato-alla-camera.pdf
Ufficio regionale per l’Europa dell’OMS e BZgA, Standard per l’Educazione Sessuale in Europa, versione italiana dicembre 2011
http://www.aispa.it/attachments/article/78/STANDARD%20OMS.pdf

Viviana Daloiso, Sessualità, dall’Oms linee ambigue, Avvenire, 5 novembre 2013
http://www.avvenire.it/famiglia/Pagine/sessualita-oms-linee-ambigue.aspx
Pietro Riccio, Il sesso all’asilo, Città nuova, n.1 2014
http://rivista.cittanuova.it/FILE/PDF/articoloCN27729.pdf
Conferenza Episcopale Triveneto, Nota dei Vescovi del Triveneto su alcune urgenti questioni di carattere antropologico e educativo. Il compito educativo è una missione chiave! 2 febbraio 2014, 36ª Giornata nazionale per la Vita
http://www.diocesitv.it/treviso/allegati/5635/CET%20NOTA%20QUESTIONI%20EDUCATIVE%202%20febb%2014.pdf
Domenico Delle Foglie, La famiglia fuori gioco, agenzia SIR, 25 marzo 2014
https://gruppifamiglia.wordpress.com/2014/03/28/la-famiglia-fuori-gioco/
La manif pour tous Italia & Forum famiglie dell’Umbria, Vademecum per genitori. Dodici strumenti di autodifesa dalla teoria del “gender” per genitori con figli da 0 a 18 anni.
http://www.lamanifpourtous.it/sitehome/wp-content/uploads/2014/02/Manif-Forum-Vademecum-per-genitori.pdf
Marguerite A. Peeters, La nuova etica globale: sfide per la Chiesa, Institute for Intercultural Dialogue Dynamics asbl
http://www.portalefamiglie.it/allegati_news/LA_Nuova_Etica_Globale_.pdf
Simone Pillon, Le radici storico-filosofiche dell’indifferentismo sessuale, La manif pour tous Italia
http://www.lamanifpourtous.it/sitehome/wp-content/uploads/2014/05/indifferentismo-sessuale.pdf
La manif pour tous Italia, L’ideologia di genere
http://www.lamanifpourtous.it/sitehome/wp-content/uploads/2014/05/ideologia-di-genere.pdf
Chiara Atzori, Genere o gender? Una lettura scientifica, La manif pour tous Italia
http://www.lamanifpourtous.it/sitehome/wp-content/uploads/2014/06/Genere-o-Gender-Una-lettura-Scientifica.pdf
I quaderni di Scienza & vita, Identità e genere, marzo 2007
http://www.gruppifamiglia.it/anno2014/quaderno_2_scienza_e_vita.pdf

Il “sesso” all’asilo

Si inizia a discutere in questo mesi su un documento dell’OMS intitolato: “Standard per l’educazione sessuale in Europa”.
Lo scopo del documento è promuovere: «un approccio olistico, basato sul concetto di sessualità come un’area del potenziale umano, perché aiuta a far maturare in bambine/i e ragazze/i quelle competenze che li renderanno capaci di determinare autonomamente la propria sessualità e le proprie relazioni nelle varie fasi dello sviluppo».
Quali sono queste competenze?
Da 0 a 4 anni, l’OMS prescrive l’apprendimento del “godimento e piacere quando giochiamo con il nostro corpo: la masturbazione della prima infanzia”. Da 0 a 4 anni è l’età ideale per “la scoperta del corpo e dei genitali”.
A 4 anni, l’OMS afferma che i nostri figli sono in grado di “esprimere i bisogni, i desideri e i limiti, ad esempio nel gioco del dottore”.
Da 4 a 6 anni è l’età ideale, secondo l’OMS, per “parlare di questioni sessuali”, esplorare “le relazioni omosessuali” e “consolidare l’identità di genere”
Da 9 a 15 , è bene che ricevano informazioni su dove trovare un contraccettivo e dove ottenere un aborto.
L’essere maschi e femmine è solo una questione culturale?
L’aborto è solo un diritto o è soprattutto una tragedia?
L’affettività c’entra con la sessualità o è solo un “optional”?
Per leggere il documento clicca qui!
Per leggere l’opinione di Avvenire clicca qui!
Per leggere l’opinione di Città Nuova clicca qui!

Conciliazioni

Serve oggi una doppia riconciliazione. La prima è la riconciliazione fra i generi attraverso la centralità della differenza tra uomo e donna, tra maschile e femminile. La seconda è una riconciliazione fra generazioni che rifiuti la cultura dello scarto umano (anziani e giovani) e sposi la famiglia come lo spazio delle “grandi differenze” (età, sesso, cultura e storia) che vivono di reciprocità.
Questa doppia riconciliazione che costituirà il contributo virtuoso dei cattolici italiani a quella architettura della famiglia che è un bene essenziale per la comunità, per la società. E persino per lo Stato democratico. Talvolta, persino, a loro insaputa…
Domenico Delle Foglie, SIR, 13 settembre 2013

Domenica: a spasso in bicicletta

In queste belle domeniche primaverili diverse famiglie escono in bici: papa, mamma, figli. Mi è capitato di vederne alcune e ho notato cosa vuol dire la differenza di genere: il papa davanti con la bici nuova, o almeno sportiva, la mamma dietro con il più piccolo sul sellino aggiuntivo posteriore e la più grande di fianco sulla biciclettina.
C’era anche un papà che “aiutava” la figlia ad andare in bici, una bici quasi da grandi, la figlia non toccava con i piedi per terra. Il papà aveva la cicca in bocca, il giornale in una mano, insomma aiutava la figlia, abbastanza alle prime armi, con una mano sola.
Questi maschi a “mezzo servizio”!
Franco Rosada