Archivi tag: famiglie numerose

Carta della famiglia

Ci sono voluti più di due anni. Il 9 gennaio in Gazzetta ufficiale è stato pubblicato il decreto che consentirà finalmente la nascita della Carta della Famiglia, due anni dopo la sua approvazione da parte del Parlamento italiano.
La carta è destinata alla e famiglie con tre o più figli minorenni, con ISEE non superiore ai 30mila euro, anche con cittadinanza non italiana a patto che siano regolarmente residenti in Italia.
Sarà rilasciata dai Comuni e consentirà l’accesso a sconti sull’acquisto di beni o servizi e la riduzioni tariffarie con i soggetti pubblici o privati: una rete tutta da costruire). Cosa potrà essere scontato? Prodotti alimentari, bevande analcoliche, prodotti per la pulizia della casa, per l’igiene personale, articoli di cartoleria e di cancelleria, libri e sussidi didattici, medicinali, prodotti farmaceutici e sanitari, strumenti e apparecchiature sanitari, abbigliamento e calzature.
Quanto ai servizi, potranno esserci sconti e riduzioni sulla fornitura…
Per continuare la lettura clicca qui!

Famiglie numerose e famiglie striminzite

Per chi avrà tre o più bambini sicuramente si sarà sentito dire di tutto e di più… Noi ne riceviamo quasi ogni giorno, di frasi “incoraggianti”, del tipo… : Adesso basta però, un bel nodo al pisellino!
A seguire alcune delle frasi dette e ridette, che al inizio ferivano anche un po’… adesso cominciano a farmi pure ridere!
1) Ma non avete la televisione?
Risposta ironica: Signori, questa è vecchia, vi prego di spremersi le meningi e partorire qualche frase migliore…
Risposta pacata: Sì! Ovvio! Dove credi che mettiamo i bambini quando cerchiamo di farne altri?
2) Adesso hai due femmine e un maschio, siamo a posto così, fermatevi!
Risposta ironica: Veramente pensavo di fare qualche ermafrodite…
Risposta pacata: Ehh… Chi lo sa… (notare bene la loro faccia!)
3) Stai attenta che ti mette di nuovo incinta!
Risposta ironica: Ahhhh!! Durante la notte mio marito mi violenta e mi incintisce!
Risposta pacata: Cercherò di dormire con la camicia da notte di mia nonna ed i bigodini!
4) Ma tre sono troppi! Siete sicuri? (da incinta)
Risposta ironica: No aspetta, ci ho ripensato, che faccio? Lo regalo ad una zingara!
Risposta pacata: Eh, a noi piacciono i bambini, non è mai troppo
5) Ma non era meglio un cane?
Risposta ironica: (non posso pensare, sono impegnata a cercare qualcosa per colpire il più forte possibile)
Risposta pacata: … (non merita risposta)
Per leggere tutte le altre intelligenti domande clicca qui!

Famiglia, scuola, lavoro

Sette richieste al Governo
1) L’attenzione alla famiglia e al suo valore pubblico sia priorità assoluta dell’azione di Governo al servizio dei cittadini, quale che sia il loro credo religioso o la loro opzione politica, nell’interesse di tutti, nessuno escluso;
2) Impegnarsi a garantire le condizioni necessarie alla formazione delle nuove famiglie e al sereno sviluppo della vita familiare, a cominciare da quelle connesse alle urgenze abitative e al lavoro;
3) Favorire la natalità incoraggiando le famiglie a fare figli, così come avviene in altre importanti democrazie europee. Si riconosca nella denatalità un rischio grave per il futuro del Paese;
4) Promuovere a tutti i livelli la cultura della vita: la via dell’aborto è una sconfitta per tutti, credenti e non credenti;
5) Accompagnare le famiglie numerose con provvedimenti legislativi a loro favore, proporzionati al numero dei figli e alle necessità connesse alle condizioni lavorative dei genitori
6) Investire le più ampie energie possibili, economiche e di capitale umano, nell’ambito dell’educazione dei ragazzi e dei giovani mediante politiche a favore della scuola;
7) Attivare politiche di avviamento al lavoro dei giovani non occupati, che spesso perdono la fiducia di potersi inserire adeguatamente nel mondo del lavoro.
Bruno Forte, arcivescovo di Chieti – Vasto
Tratto da: Il sole – 24 ore dell’8 febbraio 2015
Per leggere l’articolo di Forte clicca qui!
Per leggere la risposta di Delrio clicca qui!