Archivi tag: elezioni

Cristiani di appartenenza

Ora che la campagna elettorale (forse) è finita, vorrei fare una breve considerazione su un certo modo di esprimere la propria “fede”.
Questo sventolare di rosari, invocazioni mariane, ha infastidito parecchi cattolici, quelli che cercano di vivere in coerenza con il Vangelo.
Però non era a loro che il messaggio era rivolto, ma ai cristiani di “appartenenza”, coloro che sono tali solo perché sono nati in Italia, sono stati introdotti alla fede in un certo modo, fatto di comandamenti, preghiere, invocazioni e rosari, e la vivono in modo molto “tradizionale”.
A questi cristiani il messaggio è giunto “forte e chiaro”, e lo hanno in gran parte condiviso.
Franco Rosada

Annunci

Chi ha votato Trump


Non possiamo ignorare che oggi votano le persone che un paese ha cresciuto. Le ha mandate a scuola, le ha nutrite di immagini pubblicitarie e telefilm, le ha educate ad alcuni valori e sogni. Le persone che hanno votato Trump sono cresciute in America, è l’America ad averle cresciute così.
E oggi in ogni paese stiamo educando e crescendo le generazioni di adulti che domani voteranno le scelte del nostro futuro. Quanto investiamo in istruzione? Quanto in civiltà? Quanto nel dare oggi immagini, ispirazioni, messaggi diversi da quelle che ci hanno portato fin qui? Quanto investiamo su quel che accadrá tra 20 anni? Questo sguardo ossessivo sul presente, sul subito, ci condanna ad eterne delusioni.
Riccarda Zezza (citata da Paola Lazzarini)
Per leggere tutto l’articolo clicca qui!

Bugie elettorali

Durante la trasmissione televisiva Good Morning Britain (Itv), la giornalista Susanna Reid chiede Nigel Farage se i 350 milioni di sterline che la Gran Bretagna versava all’Unione Europea saranno investiti nel Sistema sanitario Nazionale, così come annunciato nella campagna elettorale. Farage, uno dei maggiori sostenitori della Brexit, ritratta e dice di non aver mai promesso nulla del genere e che si è trattato di un errore dei sostenitori del Leave. La giornalista, così, incalza il leader di Ukip, che prova a correggere il tiro.
La Stampa, 25 giugno 2016
Per vedere la breve intervista (sottotolata) clicca qui!

Le amministrative 2016 e le famiglie

Forum delle Associazioni Familiari

Elezioni comunali giugno 2016
In occasione del prossimo rinnovo dei consigli comunali il Forum delle Associazioni Familiari invita i cittadini che credono nella famiglia a far sottoscrivere ai candidati sindaci tre temi che poi si impegneranno ad attuare nel corso del loro mandato.
Per scaricare il volantino con l’elenco dei temi proposti
clicca qui!
Il volantino andrà completato, firmato dal candidato e spedito a Roma.
Per scaricare la lettera di presentazione dell’iniziativa
clicca qui!

Chiesa e voto di scambio

«Spero di non essere costretto, e soprattutto spero che non siano costretti i nostri fedeli, ad assistere al mortificante spettacolo di vecchi e sospetti collateralismi con candidati, con partiti o movimenti politici».
Lo ha detto il vescovo di Cassano allo Jonio e segretario della Conferenza episcopale italiana, monsignor Nunzio Galantino, in vista della prossima tornata elettorale che interesserà, oltre al Parlamento Europeo, anche alcune amministrazioni comunali della diocesi calabresi.
«È bene che sappiamo, una volta per tutte ­ ha aggiunto Galantino ­ che chiunque vede il vescovo o un sacerdote impegnarsi nell’orientare o influenzare il voto, ipotizza una sola cosa: l’ interesse personale o la ricerca di favoritismi di varia natura. Preferisco che non si realizzino opere ex novo o che non si sistemino strutture se questa deve essere la contropartita diretta o indiretta di un impegno diretto di noi sacerdoti durante le elezioni, a favore di Tizio o di Caio. Noi cristiani, sacerdoti e laici ­ ha detto ancora il presule dobbiamo dare un forte contributo per evitare gli eccessi, le divisioni, i rancori nelle nostre comunità e tra le famiglie. È triste e crea scandalo dover registrare prese di posizioni pubbliche che contribuiscono a separare piuttosto che ad unire».
«Aiutiamo e formiamo i nostri laici ­ ha concluso Galantino ­ a considerare la politica come la forma più alta di carità. Aiutiamoli e formiamoli a maturare nel bene comune, come ci chiede la Dottrina sociale della Chiesa. Incoraggiamoli a competere e a spendersi per creare condizioni di vivibilità nel nostro territorio, avendo a cuore il rispetto della persona, della legalità e dell’ educazione alla ‘vita buona del Vangelo’».
06/05/2014 Avvenire

Politica e carità

C’è – ormai da qualche tempo tra la gente – molta sfiducia nei confronti dei partiti politici e delle prossime elezioni. Si ha la sensazione che sia impossibile un cambiamento sociale della nostra nazione, un vero rinnovamento.
Questo stato d’animo pessimistico è diffuso anche in tanti cristiani, che si sentono confusi e disorientati. 
Mi pare quindi utile ricordare quanto diceva il cardinale Carlo Maria Martini. Che scriveva: «La vita politica è la più alta tra le attività umane, quella che cerca di porre in atto le condizioni per il vero bene comune e il vero progresso di tutti». 
E Paolo VI affermava: «La politica è la più alta forma di carità». E’ utile ricordare a tutti quanto il Concilio Vaticano II, con grande forza profetica, ha detto: «Tutti i cristiani devono prendere coscienza della propria speciale vocazione nella comunità politica; essi devono essere d’esempio sviluppando in se stessi il senso, la responsabilità, e la dedizione al bene comune, così da mostrare con i fatti come possano armonizzarsi l’autorità e la libertà, l’iniziativa personale e la solidarietà di tutto il corpo sociale, la opportuna unità e la proficua diversità. Devono ammettere la legittima molteplicità e diversità di opzioni temporali e rispettare i cittadini, che, anche in gruppo, difendono in maniera onesta il loro punto di vista». (Gaudium et spes n. 75)
Occorre un «sussulto di responsabilità e di speranza» da parte di tutti i credenti e laici, affinché la nostra nazione ritrovi l’indispensabile speranza per la costruzione di una società più equa e giusta per tutti.
don Mario Foradini, parroco di San Secondo, Torino