Archivi tag: amante

Erotica o materna?


Nelle diverse e complesse vicissitudini della vita, ogni donna è alla ricerca del proprio femminile, e in lei le due anime dell’erotico e del materno cercano voce per esprimersi e per equilibrarsi. Ma è una sfida davvero difficile, anche perché il contesto culturale spinge il femminile nell’una o nell’altra direzione, senza comprendere il valore imprescindibile di entrambe. Essere madre in
modo soddisfacente e realizzarsi in modo pieno nella professione continuano ad apparire troppo spesso progetti contrapposti e inconciliabili, oppure vengono giustapposti con molta fatica e senza equilibrio: noi tutte ci chiediamo come fare, e sacrifichiamo ora l’una ora l’altra parte di noi senza trovare davvero pace.
Mariolina Ceriotti Migliarese, Avvenire 11 aprile 2019
Per leggere tutto l’articolo clicca qui!

Annunci

Uno spazio per il ripensamento

Ci sono, nelle relazioni, situazioni di tale fatica in cui in l’amante dice all’amata/o: “Basta! Sparisci dalla mia vita!”.
Ma, d’altra parte, questa affermazione deve esitare almeno per un istante, perché un vero amore non sa mai cosa possa avvenire in seguito alla sua parola, sospetta che finalmente possa essere ascoltato.
Un vero amore presenta sempre il fianco a una breccia, la ferita della speranza, che si confonde con l’imprevisto e l’imprevedibile.
L’amore si condanna a non fare previsioni. Nell’amore c’è sempre un elemento di imprevedibilità, uno spazio spalancato sull’ imprevedibilità. Ecco perché, fino all’ultimo momento, deve essere pronto a ritornare sulla propria decisione.
Liberamente tratto da: Alessandro Pronzato, Giona, Gribaudi 2013

L’amore materno

La vera essenza dell’amore materno è di curare la crescita del bambino, e ciò significa volere che il bambino si separi da lei. Qui sta la differenza con l’amore erotico. Nell’amore erotico, due persone distinte diventano una sola. Nell’amore materno, due persone che erano una sola, si scindono. La madre deve non solo tollerare, ma desiderare e sopportare la separazione del figlio. È solo a questo stadio che l’amore materno diventa un compito cosi difficile da richiedere altruismo, capacità di dare tutto senza chiedere niente e di non desiderare niente altro che la felicità dell’essere amato. È anche a questo stadio che molte madri falliscono nel loro compito. La narcisista, l’autoritaria, la tirannica può riuscire ad essere una madre ” amorosa ” finché il bambino è piccolo. Solo la donna veramente ” amante “, colei che è più felice di dare che di ricevere, può essere una madre amorosa durante il processo di separazione del bambino.
Erich Fromm, L’arte di amare