L’ Amore o l’amore?


Immaginate di far naufragio, domandatevi se sapete che oggetto salverebbe la persona che amate? Quale ricordo della sua vita vorrebbe ascoltare? Quali sono la sua ferita e la sua gioia più grandi? Per cosa dovreste soprattutto chiedere perdono o dire grazie? In cosa è diventato migliore o peggiore grazie a voi? Scrivete le risposte e mettetele dentro la Scatola della reciprocità: leggetevele ad alta voce, in un a tu per tu calmo, senza distrazioni. Allora sarà evidente che amare non è una reazione, ma un’ azione: è il legame a fare l’ amore e non l’ amore a fare il legame.
L’Amore affonda come il Titanic, che colò a picco proprio per la sua pretesa invincibilità, l’ eccesso dei sistemi di sicurezza aveva reso l’ equipaggio superficiale nel controllo della rotta di navigazione: non videro o non «vollero» vedere l’ iceberg che spezzò il cuore alla nave. Solo l’ amore con la minuscola – quotidiano, faticoso, bellissimo, difficile, creativo, stanco, sorridente, aperto alla vita – è una nave guidata da due capitani attenti l’ uno all’altro, senza paura dell’ alto mare e delle sue sorprese, una nave che arriva in porto perché è in porto ovunque.
Alessandro D’Avenia, Corsera, 4 marzo 2019

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...