Lavorare meno, lavorare meglio

In Nuova Zelanda stanno sperimentando la settimana lavorativa di 4 giorni (ma pagata 5) e il risultato è un netto aumento della produttività.
Va bene che per noi la Nuova Zelanda è agli antipodi, ma chissà che l’esperimento non abbia qualcosa da insegnare anche all’Italia.
Il business della Perpetual Guardian, la società che ha avviato questa rivoluzione, consiste nell’offrire servizi alle persone: servizi di ogni tipo, da quelli finanziari e assicurativi all’assistenza sanitaria privata. La prima verifica dice che i lavoratori avendo più tempo per ricaricarsi si presentano più freschi e soprattutto più capaci di prendere iniziative, più creativi; magari in un settore diverso, dove la capacità d’iniziativa conta meno ed è più apprezzata la quantità lorda del contributo lavorativo, gli esiti dell’esperimento neozelandese non verrebbero valutati in termini altrettanto positivi, però il caso della Perpetual non è unico al mondo, qualche altro sporadico tentativo si è fatto (1).
Luigi Grassia, La Stampa, 30 luglio 208
———————————————————————————
(1) In Francia, da quasi vent’anni, l’orario di lavoro è di 35 ore, lo stesso vale per il Belgio. In Danimarca e Norvegia si lavora 33 ore a settimana, in Olanda si scende a 29.
(tratto da GF99, in uscita a settembre 2018)

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...