Il matrimonio gay

Il matrimonio gay, approvato recentemente in Irlanda, non è contrario solo ai valori della comunità cristiana, ma è contrario alla realtà della coppia.
E conferire ai gay un diritto che non hanno è che non possono realizzare, perché dal rapporto tra due uomini o tra due donne non nasce un figlio e quindi una famiglia. Per cui è ingiusto conferire gli stessi diritti a coppie che non possono diventare famiglia e a coppie che invece nel loro rapporto è presente la capacità di fare famiglia. Come non si può estendere il diritto alla patente a persone che per svariati motivi non possono guidare, così non si può estendere il diritto al matrimonio a persone che non possono realizzarlo. I gay possono fare coppia, ma non famiglia.
L’ingiustizia non avviene solo quando si negano alle persone diritti che hanno, ma anche quando si concedono uguali diritti a stati di vita diversi.
Qualunque sia il termine con cui si vuole definire il risultato del referendum irlandese (delitto, sconfitta, o altro), dobbiamo constatare che conferire il diritto al matrimonio alle coppie gay è una ingiustizia, perché si attribuisce un diritto e i vantaggi che ne conseguono a persone che non sono in grado di esercitarlo. Se i gay vogliono un riconoscimento al loro desiderio di amarsi per tutta la vita, dovranno trovare una parola che corrisponde alla verità del loro vero amore, e rivendicare quei particolari diritti che nascono da questo amore, che è un amore che presenta caratteristiche e effetti personali e sociali diversi dall’amore di una coppia eterosessuale. Si dice: l’amore non guarda l’anagrafe.
Invece la guarda, perché l’amore eterosessuale da origine ad una storia di vita con prospettive, responsabilità, oneri, e risultati per le persone e la società ben diversi da quelli dell’amore omosessuale: diversità che non nasce dall’appartenenza ad una comunità religiosa, ma dalla natura stessa del rapporto.
Giordano Muraro, Il nostro tempo, Torino 7 giugno 2015

Annunci

Una risposta a “Il matrimonio gay

  1. Il matrimonio è un Sacramento!
    L’unione di due persone porta ad un patto, contratto legale. La famiglia è un nucleo di due o più persone, ma se una coppia non può procreare non è famiglia? A prescindere dal sesso?
    In una civiltà che si definisce tale si può discriminare due persone che si amano solo xche non possono procreare?scusatemi ma mi vergogno nel sentire certe affermazioni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...