Noi e il nostro corpo

L’esperienza prevalente che facciamo è quella di avere un corpo.
Ce lo abbiamo per lavorare, per camminare, per trasportare, per amare, per mangiare, per danzare, in breve per fare tutto quello che dobbiamo e vorremmo fare.
La nostra esperienza prevalente è anche che il corpo funziona, che esso fa quello che vogliamo noi.
Quando smette di farlo, ci sentiamo subito insicuri/e.
Ci ritroviamo fuori dal ritmo e dal quadro della nostra vita di tutti i giorni.
Il corpo non funziona più e ciò vuol dire che noi non funzioniamo più.
Ci mettiamo alla ricerca dei medici e portiamo il nostro corpo a riparare.
Forse abbiamo la cattiva coscienza di aver trascurato di fare il controllo medico annuale, e ci sentiamo più leggeri quando il corpo si rimette in sesto, più leggeri come quando l’automobile ha superato la revisione.
Dopo esperienze del genere ci proponiamo di trattare con maggiore scrupolo questo strumento prezioso e costoso della nostra vita.
Se il corpo continua a non funzionare ci prende l’insicurezza nei confronti del nostro compagno.
E, in crisi di questo tipo, facciamo un’altra esperienza, cioè scopriamo che noi siamo il corpo.
Dallo strumento, che ci consente di far fronte alla vita e ci dà il piacere della vita, ci arriva un’altra esperienza, che ci tiene prigionieri/e.
Essere malati/e, essere indisposti/e, essere stanchi/e, avere dei dolori – sono tutte cose che ci bloccano. Sono cose che occupano la nostra volontà, il nostro intelletto.
Ora, il corpo non comincia da sotto la testa, ma esso è noi, proprio noi.
Noi siamo il corpo.
Elisabeth Moltmann-Wendel, Il mio corpo sono io, Queriniana, Brescia 1995

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...